I misteri del '92 e '93 e i perversi intrecci di oggi

 Ci sono otto persone indagate nel processo condotto dalla Procura di Palermo, dai pubblici ministeri Di Matteo e Ingoia, nel processo intrapreso sulle trattative del '92-93 tra mafia e Stato dopo le grandi stragi palermitane di Capaci e di via d'Amelio e dei Georgofili a Firenze.Tra gli indagati ci sono i capi di Cosa Nostra come Riina, Provengano e Cinà ma anche gli ufficiali dei carabinieri del ROS Subranni, Mori e De Donno, il senatore Marcello Dell'Utri, l'ex ministro Calogero Mannino.

A questi si aggiunge ora l'ex ministro degli Interni e vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura Antonio Mancino. I pubblici ministeri non potevano fare diversamente perché Mancino nel verbale di interrogatorio del primo aprile 2011 a Palermo aveva detto: "Non ho mai avuto conoscenza di una trattativa dello Stato con la mafia". Ma, ora nell'ultima udienza del processo ha ammesso di essere stato informato della trattativa, "non sapendo della decisione di non prorogare i 41 bis per i detenuti" e aggiungendo: "Il mio nome è stato speso per vendicarsi delle scelte di grande rigore che ho fatto." Ieri, dopo aver ricevuto notizia dell'avviso di garanzia da cui è stato raggiunto, ha dichiarato: "Il teorema che lo Stato, e non pezzi o uomini dello Stato, abbia trattato con la mafia è vecchio di almeno vent'anni ma non c'è ancora straccio di prova che possa confortarlo di solidi argomenti."

Ma le contraddizioni nella sua testimonianza resa in diversi momenti negli ultimi due anni sono ormai numerose. Dalla negazione assoluta, pur avendo rivestito tra il '92 e il '93 l'incarico di ministro degli Interni sia nel governo Amato che nel governo Ciampi - cioè in tutto il periodo delle stragi di cui accennavamo - alle ammissioni sempre più larghe a mano a mano che le sue dichiarazioni appaiono in contrasto sempre più netto con l'ex ministro Enzo Scotti a cui succede e con l'ex ministro della Giustizia Claudio Martelli.

Sia l'uno che l'altro (e il primo ora anche con un libro intitolato Pax mafiosa o guerra che sta per uscire) hanno parlato della sicura conoscenza da parte di Mancino di quelle trattative che andarono avanti per alcuni mesi e si tradussero nella presentazione da parte dei vertici di Cosa Nostra di un papello che conteneva forti e precise richieste da parte dei mafiosi che riguardavano l'allentamento della repressione contro la mafia, di cui l'articolo 41 bis costituiva un requisito importante, e nello stesso tempo un ammorbidimento complessivo dell'azione repressiva pubblica nei confronti dell'associazione siciliana che difatti si realizzò dopo le stragi e che permise a Provengano di proseguire per molti anni la sua lunga latitanza.

Di fronte ai contrasti tra alcuni dei protagonisti di quegli anni e a notevoli elementi oggettivi che è oggi  possibile finalmente iniziare a ricostruire sul piano storico, la situazione dell'ex ministro Mancino appare  difficilmente difendibile.

Perché l'uomo politico democristiano che ha ricoperto in quegli anni ruoli di primo piano e, in un certo senso, decisivi per le scelte dei governi in materia di giustizia e di lotta alla mafia ha così grande difficoltà ad ammettere di aver saputo e a spiegare le ragioni che lo condussero a restare immobile e silenzioso rispetto a quell'occulto negoziato così importante per il destino del Paese?

Sono interrogativi questi (ed altri che si potrebbero aggiungere) che hanno ancora oggi un peso politico di non scarsa importanza in un momento in cui emergono notizie di conti correnti  di Cosa Nostra custoditi dall'Istituto di Opere Religiose del Vaticano  presieduto da Gotti Tedeschi? Ed è altresì noto che le associazioni mafiose italiane hanno rapporti indubbi con una parte della classe politica e dirigente presente in Parlamento e negli apparati dello Stato?

A domande di questo genere dovrebbe poter rispondere il processo di Palermo e, per la parte che lo riguarda direttamente, un protagonista politico di quegli anni come fu di sicuro Antonio Mancino.  

Segnala questo articolo sui Social Network:



Commenti

Aiuto Textile

Chi sono

Sono stato deputato nella Quindicesima Legislatura, attivo nelle commissioni Cultura e in quella di Vigilanza. Politicamente lavoro all'interno delle forze che si oppongono al governo Berlusconi. Dal 3 dicembre 2007 sono professore emerito di Storia dell'Europa e del Giornalismo nell'Università di Torino.

Agenda

Il libro: La mafia come metodo

Nel 1991, un anno prima delle stragi di Capaci e di via d'Amelio, era già chiaro, per chi avesse la lucidità necessaria, che la mafia o, meglio, le mafie italiane avevano un metodo di comportamento che si stava espandendo nelle istituzioni politiche e nella società civile dell'Italia contemporanea e che la reazione dello Stato si era dimostrata, fino a quel momento, debole e inefficace. Quello che sta accadendo ora appare come la conseguenza di una lunga coabitazione tra mafia e politica che è destinata a durare ancora fino a quando lo Stato non debellerà il fenomeno mafioso. (continua)

Cerca


Feed

Feed Rss icon


AddThis Feed Button AddThis Social Bookmark Button

Leggi il blog via email
lascia il tuo indirizzo:



(fornito da FeedBurner)

Facebook

Categorie

Ultim'ora (Ansa)

Diventa Fan di NicolaTranfaglia.com

Il blog di Nicola Tranfaglia on Facebook